The Outer Limits (serie classica): 1×09 “Corpus Earthling” – Sottotitoli

Qualcuno potrebbe ricordarsi della serie Oltre i limiti, andata in onda in Italia negli anni passati; se non per la trama, almeno per l’inquietantissima sigla.

Be’, questa altro non era che il remake della serie classica The Outer Limits, prodotta per ABC negli anni fra il ’63 e il ’65 e composta da 49 episodi divisi in due stagioni; è una serie antologica, cioè con puntate totalmente slegate una dall’altra.

01 The Galaxy Being (9-16-1963).mkv_snapshot_01.04_[2015.03.04_14.42.32]
Nella prima stagione, molti episodi sono stati scritti da Joseph Stefano, creatore della serie e noto anche per essere lo sceneggiatore di Psycho di Hitchcock. Nella seconda stagione, invece, la collaborazione con altri scrittori si espande fino ad avere un episodio scritto da Clifford Simak e ben due da Harlan Ellison.
Incredibilmente, in cinquant’anni questa serie classica non è mai andata in onda in Italia.

La mia missione è quindi di fornirvi, uno dopo l’altro, i sottotitoli di tutte le 49 puntate.

Oggi, dopo prima, seconda, terza, quarta, quinta, sesta, settima e ottava puntata, ecco recensione e sottotitoli per la nona.

1×09 “Corpus Earthling” (“Corpus Terrestris”)

09 Corpus Earthling (11-18-1963).mkv_snapshot_14.32_[2015.10.08_23.00.34]

Il dottor Temple studia, insieme alla sua assitente di laboratorio Laurie, due strane rocce portate da uno studente. Giunge il marito di Laurie, il chirurgo Paul Cameron, che rimasto solo nel laboratorio sente delle voci: sono proprio le due rocce, in realtà alieni intenzionati a conquistare il pianeta. Resisi conto che Paul può percepirle parlare, le rocce fanno di tutto per eliminare il pericoloso ascoltatore, un ostacolo alla loro invasione. Lui, intanto, fugge insieme alla moglie da quelle che ritiene essere allucinazioni uditive.

La puntata è probabilmente la più ingenua fino a adesso. L’idea di base, con alieni dalle sembianze apparentemente innocue, potrebbe anche essere interessante, ma purtroppo è portata avanti con troppa semplicità, un’inaccuratezza e una macchinosità piuttosto fastidiose: alieni che sanno tutto degli umani (cosa sono una finestra o una pistola), intuizioni innaturali (la teoria del supervirus intelligente che salta fuori dal nulla), una lunga sequela di dettagli proposti e abbandonati (lo studente che ha portato le rocce, il vicino ubriaco). I suggerimenti più interessanti rimangono poco sfruttati, come ad esempio quel continuo riferirsi a una precedente invasione non andata a buon fine, echeggiata dalle parole del custode messicano riguardo la precedente febbre di cui è stato testimone. Il concetto più importante di tutti, quello che dovrebbe far riflettere lo spettatore, è messo da parte per tutta la puntata, per essere recuperato purtroppo solo nella morale finale, anch’essa più stringata del solito.
Paul Cameron è qui interpretato da Robert Culp, di cui avevamo potuto ammirare le doti nella terza puntata, The Architects of Fear. Qui dà risalto a un personaggio che poteva sparire nelle incertezze della sceneggiatura, ma che grazie a lui riesce a risaltare e a costruire un’immagine della propria personalità più concreta che mai. Ad aiutarlo, anche il fatto che nessuno degli altri personaggi ha la benché minima caratterizzazione, neanche sua moglie – dopo che avevamo visto, nelle puntate precedenti, donne comprimarie decisamente più presenti, nel bene o nel male.
Un ultimo dettagli, anche questo purtroppo negativo, è sul ritmo della puntata, che va ben oltre i tempi lenti tipici sia dell’epoca che della serie, sfociando in alcune scene statiche, interminabilmente lunghe e totalmente inutili: va bene a scena in cui Paul riapre finestra e porta e riaccende la luce (simbolica del suo tornare al mondo dopo il momento di terrore), ma perdere due minuti guardandolo mentre sterilizza una siringa…?
Nel complesso, la puntata, come avrete capito, non è il massimo. Spezzo una lancia in suo favore per gli effetti speciali, che probabilmente, per gli standard del 1963, erano davvero sconvolgenti.

Ecco dunque i sottotitoli, caricati come sempre sia su Opensubtitles che su Addic7ed.

Buona visione!

The Outer Limits – 1×09 “Corpus Earthling” [Opensubtitles]
The Outer Limits – 1×09 “Corpus Earthling” [Addic7ed]
Annunci

2 Replies to “The Outer Limits (serie classica): 1×09 “Corpus Earthling” – Sottotitoli”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...