“In cosa possiamo essere utili” – Racconto

Dopo anni a saltare dal telemarketing alla soddisfazione clienti, dai centralini ai sondaggi d’opinione, era inevitabile che finissi a scrivere un racconto ambientato proprio in uno di questi ameni ambienti.
Come vedete la storia è brevissima, e per questo non necessita di presentazioni: vi basti sapere, però, che è più complessa di quanto le sue poche righe potrebbero suggerire a una prima occhiata.

Il racconto è ovviamente dedicato a tutte le colleghe e colleghi che ho avuto, ho e presumibilmente avrò ancora per un po’ in quest’ambito.

Buona lettura! Continua a leggere ““In cosa possiamo essere utili” – Racconto”

Annunci

“Dinosauria”, Antologia

Con questo post presento ufficialmente l’antologia Dinosauria!

dinosauria-copertina

Dinosauria nasce da un’idea di Lorenzo Crescentini, autore emiliano romagnolo (!) finalista al premio Robot e con un racconto pubblicato sul n. 78 della rivista che ha segnato il mio esordio.
Dice Lorenzo che si è svegliato una mattina con la voglia di leggere un’antologia sui dinosauri, ma si è presto reso conto che ce ne sono troppo poche.
La brillante soluzione adottata è stata farsene fare una su misura da sei autori italiani, fra cui io.

Ecco dunque qui di seguito (rigorosamente nell’ordine in cui li troverete sfogliando il libro) gli autori e i racconti di Dinosauria. Continua a leggere ““Dinosauria”, Antologia”

“AMT” – Racconto

Ecco a voi un nuovo racconto.

In AMT seguiamo il percorso che porta Monika a indagare – anche a scapito del suo rapporto con Alex – le origini della Vita e le possibilità offerte dall’elaborazione virtuale.
AMT può essere definito fantascienza se si allargano un po’ i confini consueti del genere; oppure, molto più semplicemente, se in luogo dell’affermata definizione italiana si usa invece l’originale science-fiction: è infatti come un’opera narrativa (fiction) a base scientifica (science) che questo racconto può – e, mi permetto di dire, dovrebbe – essere inteso.

Come per 18:23, la lunghezza del testo mi ha convinto a realizzare le versioni .pdf, .epub e .mobi, per poter leggere il racconto anche su un lettore ebook, o comunque sdoganandovi dal formato del blog. Potete scaricarle qui.
Ad ogni modo, se non vi è scomodo, il testo si trova anche qua sotto – ma sono 34000 battute: per darvi un’idea, è il doppio di 18:23, due terzi di Rendez-vous. Fate voi.

[Magari un giorno farò anche un post sulla mia idea della scrittura, sulle mie aspettative circa il mondo dell’editoria e sul valore che dò all’autopromozione e alla condivisione; ma non è questa la sede.
Intanto, però, metto le mani avanti: così, se state per domandarmi «Ma perché i tuoi racconti li metti gratis sul blog invece di farti pagare?», sapete già che non risponderò. Non adesso.]

Fatemi sapere cosa ne pensate – si accettano commenti anche riguardo la “copertina”.
Buona lettura!

AMT 3 - banner

Continua a leggere ““AMT” – Racconto”

“18:23” – Racconto

Eccoci con un nuovo racconto!

Stavolta i protagonisti sono un professore, la sua allieva e una macchina che non è poi una parente così distante di qualcosa che chi ha letto Rendez-vous ha conosciuto già.
Per gli amanti delle categorizzazioni, 18:23 è un racconto che può rientrare nella cosiddetta “fantascienza hard”, ovvero quella che si concentra sull’innovazione scientifico-tecnica in se. Un genere che abitualmente mi è abbastanza estraneo, ma che ho cercato qui di affrontare senza dimenticare il lato più strettamente “umano” dei protagonisti, quello al quale – come sa chi mi ha già letto – tengo di più.

Data la lunghezza del testo – che potrebbe rendere un po’ scomoda la lettura nel formato del blog – ne ho approntato anche una versione .pdf, una .epub e una .mobi, che potete scaricare (tutte insieme, in una cartella .zip) a questo link.

Buona lettura!

18 23 - 1 - banner Continua a leggere ““18:23” – Racconto”

“Un orgasmo è un orgasmo è un orgasmo” – Racconto

Oggi un nuovo racconto, un po’ più lungo di quelli che ho pubblicato finora sul blog.

Contrariamente a quanto può sembrare dal titolo, nel testo che state per leggere non c’è nulla di scabroso: anzi, è proprio un tentativo di indagare i confini fra la percezione fisica e il sentimento puramente emotivo.
Poi, ovviamente, riferimenti  all’argomento “sesso” ce ne sono, quindi se ritenete di non farlo leggere a dei bambini di dieci anni posso anche capirvi (a meno che non siate anche voi dei vassalli dell’ideologia gender, ma questa è un’altra storia).

Se lo volete, fatemi sapere cosa ne pensate. Buona lettura.

Aggiornamento: A quanto pare, oggi 31 luglio è la giornata mondiale dell’orgasmo (anche se altre fonti sembrano indicare un’altra data). La sorte è dalla mia parte.

Continua a leggere ““Un orgasmo è un orgasmo è un orgasmo” – Racconto”

“Allegato A. Allestimento generale” – Racconto

Oggi condivido con voi quello che, in un certo senso, non è nemmeno un racconto: lo definirei più un “documento dal valore potenzialmente narrativo” – se mi si concede la libertà di inventarmi definizioni.
È un po’ come se allo spirare del taciturno nonno, che mai vi aveva concesso aneddoti dei tempi di guerra, scopriste che ha lasciato tutto in eredità al Partito Neonazista. Un testamento non dovrebbe poter raccontare nulla; eppure racconterebbe molto, non trovate?

Dedico questo racconto/non-racconto a quelli che pensano seriamente che il DDL Cirinnà sia un compromesso accettabile, o anche solo che sia un compromesso e non una farsa – ammesso e non concesso che il testo non subisca modifiche, e sempre partendo dal presupposto estremamente ottimistico che alla fine venga approvato.

Buona lettura, quindi.

EDIT: Uno sguardo diverso sulla stessa realtà qui dipinta, è in Beata innocenza.

640px-rainbow_flag_and_blue_skies

Continua a leggere ““Allegato A. Allestimento generale” – Racconto”

“Io c’ero” – Racconto

Oggi vi propongo un mio nuovo racconto breve.
Per motivi che vi appariranno ovvi al momento della lettura, dedico questo racconto a chi si preoccupa della città di Venezia e dell’integrità dell’ecosistema lagunare, come ad esempio il Comitato Nograndinavi. Al termine, comunque, trovate un post scriptum con alcune mie precisazioni in merito alla questione.

Buona lettura.

io c'ero

Continua a leggere ““Io c’ero” – Racconto”

“Per Elisa” – Racconto

Oggi vi regalo un brevissimo racconto scritto nelle settimane scorse; visti gli intenti “politici”, ho ritenuto opportuno pubblicarlo qui sul blog e renderlo fruibile liberamente a tutti.
Per motivi che divengono evidenti al momento della lettura, dedico Per Elisa a chiunque lotti per il diritto del malato a scegliere una fine dignitosa per la propria vita, come i promotori della campagna Eutanasia Legale.
Ne approfitto per ricordarvi anche – dato che nel racconto si accenna pure a questa tematica – che domani è la Giornata mondiale contro l’omofobia.
Sì, insomma, si parla un po’ di tutto, tranne che di Beethoven.

Buona lettura.

Continua a leggere ““Per Elisa” – Racconto”

I racconti di Robot 74 – Recensione

Ed eccomi qui a commentare il numero 74 di Robot, che ospita il mio racconto vincitore dell’omonimo premio.

Robot74_digital

La mia recensione sarà solo sulla parte narrativa ivi contenuta, ma nella rivista troverete anche articoli e interviste estremamente interessanti – che però non ho gli strumenti per giudicare (come se li avessi per i racconti).
Andiamo.

Continua a leggere “I racconti di Robot 74 – Recensione”

Ho vinto il premio Robot!

Come saprete se mi seguite su Facebook e/o su Twitter, il mio racconto Rendez-vous ha vinto il premio Robot.
Sì. Non è facile da credere nemmeno per me, cosa pensate?

Premio Robot

Continua a leggere “Ho vinto il premio Robot!”