L’Unar, le Iene e i glory hole (pochissimi i glory hole)

Forse non ce n’è bisogno, visto che di articoli che chiariscano la questione del servizio de Le Iene riguardo i finanziamenti dell’Unar ce ne sono più di uno (su Butac, su Strade, Dario Accolla su Il Fatto ecc.); ma sento comunque la necessità di spiegare anch’io la situazione, nel modo più semplice possibile.

poi_gallery_image-image-ef9f9154-9de5-4bad-ad40-8a73bd21ff07
Il lago artificiale di Berryessa, uno dei risultati di Google Immagini cercando “glory hole”. Ma non fatelo, comunque.

Continua a leggere “L’Unar, le Iene e i glory hole (pochissimi i glory hole)”

Annunci

Beata innocenza – Racconto

Sembra incredibile, ma il racconto che state per leggere non solo è di fatto la prima versione di Allegato A. Allestimento generale, ma è anche uno dei miei lavori più vecchi.
Ovviamente la versione che vedete adesso è stata successivamente revisionata: ma è proprio come una gita al museo che quest’idea era nata, prima di trasformarla nel breve “documento narrativo” pubblicato un anno e mezzo fa.
Il ritorno alla versione originaria è dovuto alla mia partecipazione al concorso di Fantascienza LGBT Family Apocalips, per il quale poi Beata innocenza è giunto in finale.

Lo pubblico oggi perché non credo ci sia ricorrenza migliore della festa degli innamorati, per farlo.
Ma lo pubblico anche perché a qualcuno potrebbe interessare vedere come una stessa idea possa essere espressa in modi diametralmente opposti – a paragone, appunto, con il fratello Allegato A.

Buona lettura!

640px-rainbow_flag_and_blue_skies

Continua a leggere “Beata innocenza – Racconto”

Michele e l’aliante scomparso

Dopo l’ottimo La macchia, torno a recensire Maurizio Cometto, stavolta con il suo ultimo romanzo, finalista al Premio Odissea: Michele e l’aliante scomparso.

9788865308998-michele-e-l-aliante-scomparso

Continua a leggere “Michele e l’aliante scomparso”

Ma davvero la scienza non è democratica?

Come siamo arrivati al punto che un medico, parlando di vaccini, arrivi a dire che «la scienza non è democratica»?

burioni Continua a leggere “Ma davvero la scienza non è democratica?”

Verso il 2017: discorso di fine anno (ovvero: buoni propositi)

Ebbene sì: questo post racchiude i miei buoni propositi per l’anno nuovo.

Potete anche non leggerlo, ma poi non stupitevi e soprattutto non dite che non vi avevo avvisato.

Continua a leggere “Verso il 2017: discorso di fine anno (ovvero: buoni propositi)”

Come reagire correttamente alla morte dei personaggi famosi: il caso George Michael

Siccome sull’argomento «È morto X» vi vedo un po’ confusi (ma soprattutto impegnati a rilasciare il commento più originale possibile, con l’unico risultato di scrivere tutti quanti la stessa cosa), sento l’urgenza di farvi rivolgere la vostra attenzione su un paio di dettagli che sembrano costantemente sfuggirvi ogni volta che muore un personaggio famoso.

george-sentenzioso Continua a leggere “Come reagire correttamente alla morte dei personaggi famosi: il caso George Michael”

Il panettone Motta e i vegani, ovvero una guerra fra poveri (di conoscenze scientifiche)

Due paroline sul caso Motta vs. Vegani (che poi, come vedremo, non è proprio così).
Dovreste esserne a conoscenza, ma linko il video dello spot e ne fornisco la trascrizione.

Per il nostro panettone, noi di Motta avremmo potuto usare:
•tofu tritato!
• papaya!
•seitan!
•alga essicata!
• e cuocerlo per trenta secondi in microonde!
E invece no: lo abbiamo preparato seguendo la nostra ricetta. Originale dal 1919.
Panettone Motta, da sempre quello di sempre.
Da oggi con bacche di goji! Scherzo…

Lo spot ha suscitato le ire dei vegani, immediatamente aizzati dal riferimento al dinamico duo Tofu&Seitan. Curiosamente, però, nonostante sia il primo a rimanere perplesso di fronte a scelte alimentari che escludono la carne per sostituirla con prodotti industriali di dubbia salubrità, ho trovato anch’io questo spot in qualche modo “irritante”.
Meditandoci, ne ho trovate due motivazioni.
Per quanto riguarda quella strettamente relativa al marketing e al ritorno negativo sul brand, rimando alla lettura di quest’articolo.
L’aspetto su cui voglio concentrarmi in questo post è invece quello prettamente scientifico/culturale. Continua a leggere “Il panettone Motta e i vegani, ovvero una guerra fra poveri (di conoscenze scientifiche)”

The Outer Limits (serie classica): 2×02 “Cold Hands, Warm Heart” – Sottotitoli

Qualcuno potrebbe ricordarsi della serie Oltre i limiti, andata in onda in Italia negli anni passati; se non per la trama, almeno per l’inquietantissima sigla.

Be’, questa altro non era che il remake della serie classica The Outer Limits, prodotta per ABC negli anni fra il ’63 e il ’65 e composta da 49 episodi divisi in due stagioni; è una serie antologica, cioè con puntate totalmente slegate una dall’altra.

01 The Galaxy Being (9-16-1963).mkv_snapshot_01.04_[2015.03.04_14.42.32]
Nella prima stagione, molti episodi sono stati scritti da Joseph Stefano, creatore della serie e noto anche per essere lo sceneggiatore di Psycho di Hitchcock. Nella seconda stagione, invece, la collaborazione con altri scrittori si espande fino ad avere un episodio scritto da Clifford Simak e ben due da Harlan Ellison.
Incredibilmente, in cinquant’anni questa serie classica non è mai andata in onda in Italia.

La mia missione è quindi di fornirvi, uno dopo l’altro, i sottotitoli di tutte le 49 puntate.

Oggi, dopo le precedenti (le 32 della prima stagione e la 2×01) che potete trovare qui, ecco recensione e sottotitoli per la seconda puntata della seconda stagione.

Continua a leggere “The Outer Limits (serie classica): 2×02 “Cold Hands, Warm Heart” – Sottotitoli”

“In cosa possiamo essere utili” – Racconto

Dopo anni a saltare dal telemarketing alla soddisfazione clienti, dai centralini ai sondaggi d’opinione, era inevitabile che finissi a scrivere un racconto ambientato proprio in uno di questi ameni ambienti.
Come vedete la storia è brevissima, e per questo non necessita di presentazioni: vi basti sapere, però, che è più complessa di quanto le sue poche righe potrebbero suggerire a una prima occhiata.

Il racconto è ovviamente dedicato a tutte le colleghe e colleghi che ho avuto, ho e presumibilmente avrò ancora per un po’ in quest’ambito.

Buona lettura! Continua a leggere ““In cosa possiamo essere utili” – Racconto”

“Il marziano in soffitta”, di Frederik Pohl

Ho conosciuto Frederik Pohl con un romanzo straordinario: La porta dell’infinito (qui la recensione).
La mia lenta opera di approfondimento dell’autore passa ora per la celebre antologia di suoi racconti pubblica a suo tempo da Urania in due volumi: Il tunnel sotto il mondoIl marziano in soffitta.
Per un bizzarro scherzo del destino, iniziamo dal secondo volume – ammesso e non concesso che io riesca mai a leggere il primo.

u804

Continua a leggere ““Il marziano in soffitta”, di Frederik Pohl”