“Elysium”, di Jennifer Marie Brissett

Torniamo a Zona 42, stavolta però dedicandoci alla parte internazionale del loro catalogo: l’eccezionale Elysium, di Jennifer Marie Brissett.

Elysium-Cop-663x900

Continua a leggere ““Elysium”, di Jennifer Marie Brissett”

CRISPR e La Repubblica: improvvisarsi bioingegneri nell’epoca del terrorismo antiscientifico

Non che abbia mai considerato La Repubblica una grande testata giornalistica, men che meno quando si parla di scienza; ma con questo video probabilmente si sono superati.

Il video è questo: I rischi del kit per ogm fai-da-te: così abbiamo reso dei batteri immuni agli antibiotici.

repubblica crispr

Facciamo finta di non leggere il titolo e commentiamo direttamente il video.

Continua a leggere “CRISPR e La Repubblica: improvvisarsi bioingegneri nell’epoca del terrorismo antiscientifico”

Ma davvero la scienza non è democratica?

Come siamo arrivati al punto che un medico, parlando di vaccini, arrivi a dire che «la scienza non è democratica»?

burioni Continua a leggere “Ma davvero la scienza non è democratica?”

Verso il 2017: discorso di fine anno (ovvero: buoni propositi)

Ebbene sì: questo post racchiude i miei buoni propositi per l’anno nuovo.

Potete anche non leggerlo, ma poi non stupitevi e soprattutto non dite che non vi avevo avvisato.

Continua a leggere “Verso il 2017: discorso di fine anno (ovvero: buoni propositi)”

Come reagire correttamente alla morte dei personaggi famosi: il caso George Michael

Siccome sull’argomento «È morto X» vi vedo un po’ confusi (ma soprattutto impegnati a rilasciare il commento più originale possibile, con l’unico risultato di scrivere tutti quanti la stessa cosa), sento l’urgenza di farvi rivolgere la vostra attenzione su un paio di dettagli che sembrano costantemente sfuggirvi ogni volta che muore un personaggio famoso.

george-sentenzioso Continua a leggere “Come reagire correttamente alla morte dei personaggi famosi: il caso George Michael”

Il panettone Motta e i vegani, ovvero una guerra fra poveri (di conoscenze scientifiche)

Due paroline sul caso Motta vs. Vegani (che poi, come vedremo, non è proprio così).
Dovreste esserne a conoscenza, ma linko il video dello spot e ne fornisco la trascrizione.

Per il nostro panettone, noi di Motta avremmo potuto usare:
•tofu tritato!
• papaya!
•seitan!
•alga essicata!
• e cuocerlo per trenta secondi in microonde!
E invece no: lo abbiamo preparato seguendo la nostra ricetta. Originale dal 1919.
Panettone Motta, da sempre quello di sempre.
Da oggi con bacche di goji! Scherzo…

Lo spot ha suscitato le ire dei vegani, immediatamente aizzati dal riferimento al dinamico duo Tofu&Seitan. Curiosamente, però, nonostante sia il primo a rimanere perplesso di fronte a scelte alimentari che escludono la carne per sostituirla con prodotti industriali di dubbia salubrità, ho trovato anch’io questo spot in qualche modo “irritante”.
Meditandoci, ne ho trovate due motivazioni.
Per quanto riguarda quella strettamente relativa al marketing e al ritorno negativo sul brand, rimando alla lettura di quest’articolo.
L’aspetto su cui voglio concentrarmi in questo post è invece quello prettamente scientifico/culturale. Continua a leggere “Il panettone Motta e i vegani, ovvero una guerra fra poveri (di conoscenze scientifiche)”

“Forbice vince carta vince pietra” di Ian McDonald (e altri racconti)

È passato un po’ dal mio compleanno, quando, passando nella libreria dell’usato, indeciso fra diversi titoli ho infine optato per il più recente: Forbice vince carta vince pietra, di Ian McDonald, che nell’edizione Urania è seguito da tre racconti dello stesso autore (il romanzo era stato pubblicato – per sbaglio o follia momentanea, suppongo – anche da Einaudi).

uc138 Continua a leggere ““Forbice vince carta vince pietra” di Ian McDonald (e altri racconti)”

A grande richiesta

«Ebbene sì, alla fine mi sono aperto un blog anche io.»
«Bravo, era ora.» Continua a leggere “A grande richiesta”