The Outer Limits (serie classica): 2×03 “Behold, Eck!” – Sottotitoli

Qualcuno potrebbe ricordarsi della serie Oltre i limiti, andata in onda in Italia negli anni passati; se non per la trama, almeno per l’inquietantissima sigla.

Be’, questa altro non era che il remake della serie classica The Outer Limits, prodotta per ABC negli anni fra il ’63 e il ’65 e composta da 49 episodi divisi in due stagioni; è una serie antologica, cioè con puntate totalmente slegate una dall’altra.

01 The Galaxy Being (9-16-1963).mkv_snapshot_01.04_[2015.03.04_14.42.32]
Nella prima stagione, molti episodi sono stati scritti da Joseph Stefano, creatore della serie e noto anche per essere lo sceneggiatore di Psycho di Hitchcock. Nella seconda stagione, invece, la collaborazione con altri scrittori si espande fino ad avere un episodio scritto da Clifford Simak e ben due da Harlan Ellison.
Incredibilmente, in cinquant’anni questa serie classica non è mai andata in onda in Italia.

La mia missione è quindi di fornirvi, uno dopo l’altro, i sottotitoli di tutte le 49 puntate.

Oggi, dopo le precedenti (le 32 della prima stagione e le prime due della seconda) che potete trovare qui, ecco recensione e sottotitoli per la terza puntata della seconda stagione.

2×03 “Behold, Eck!” (“Attento, Eck!”)

35-behold-eck-10-3-1964-avi_snapshot_26-36_2017-02-13_09-32-37

Il dottor Robert Stone è un ingegnere nel campo dell’ottica, proprio come suo fratello Bernard. Aiutato dalla fedele assistente Elizabeth Dunn, realizza una lente a partire dal del quarzo meteorico. Quel che non si aspettava è che con questa lente avrebbe visto un’incredibile creatura; e, a complicare le cose, che ora la sua missione sia aiutarla.

La sospensione dell’incredulità, in The Outer Limits, non è mai stata un problema: c’è da ammettere, però, che in questo episodio se ne richiede una dose decisamente maggiore. La facilità con cui la creatura bidimensionale comunica con i protagonisti è più banale della media delle puntate precedenti, e totalmente imparagonabile alla letteratura dell’epoca. Per apprezzare la puntata, dobbiamo chiudere un occhio e accettarne lo sconfinamento in una fanta- poco -scienza.
Concentrandoci sui protagonisti, notiamo che questi non brillano pe originalità, ma riescono almeno ad avere una personalità propria. Robert Stone, nel suo essere impacciato, ricorda un po’ l’Harold Finley protagonista di The Man with the Power, anche se fa il passo successivo di aggiungere un disagio sociale e una mancanza di empatia di personaggi più moderni, che giocano al confine con lo spettro autistico.
Meno riuscita è la gestione dei rapporti fra un personaggio e l’altro: buona quella fra i fratelli, conflittuale e non scontata, ma piuttosto piatta quella delle segretarie. Entrambe sembrano suggerire e avere un ruolo attivo, tentando di riabilitare la figura femminile oscurata dai protagonisti; entrambe rimangono invece in sordina, dimenticate e sostanzialmente inutili alla trama, riuscendo addirittura a scampare a una possibile storyline rosa – e con essa, purtroppo, una qualsivoglia evoluzione dei personaggi.
La scrittura è un bel po’ zoppicante nella forma, che alterna spiegoni a buchi di trama e conclude con una non-conclusione, una specie di cliffhanger ironico non molto riuscito. Si apprezza comunque il tentativo di inserire rimandi incrociati e riferimenti che provini a dare coesione, a una puntata non delle migliori.

[Note di traduzione:
Sono sempre le stesse, ma le ripeto: chi si chiama per cognome si dà del lei, chi si chiama per nome del tu, e tutti danno del tu all’alieno e viceversa. Il dottor Stone chiama la signorina Dunn anche Elizabeth, ma ho uniformato con un lei perché non mi è sembrato di vedere un’evoluzione nei loro rapporti.]

Ecco dunque i sottotitoli, caricati come sempre sia su Opensubtitles che su Addic7ed.

Buona visione!

The Outer Limits – 2×03 “Behold, Eck!” [Opensubtitles]
The Outer Limits – 2×03 “Behold, Eck!” [Addic7ed]
Advertisements

3 pensieri su “The Outer Limits (serie classica): 2×03 “Behold, Eck!” – Sottotitoli”

  1. Non vedo l’ora che arrivi al V° Episodio della stagione 2^ “Demon with a glass hand”, scritto da Harlam Ellison, episodio in parte ispiratore di “Terminator” di Cameron con conseguente vertenza legale. Non siamo solo tre o quattro che ti seguono con me siano almeno 5……..
    Ciao Vincenzo

    Mi piace

  2. Ciao Stefano!!

    Dopo tre giorni che non aprivo la posta elettronica per via del lavoro convulso di questo periodo,oggi finalmente ci sono riuscito. Grazie per la bella sorpresa dopo il lungo periodo di pausa! Ti (e mi…) auguro che arriverai al traguardo di tutti gli episodi di TOS sottotitolati, anche se immagino che è difficile sostenere più impegni come stai facendo tu. E quindi dobbiamo avere mooooolta pazienza….
    Come al solito concordo con te sulla recensione. Questo è uno degli episodi meno riusciti della serie.

    Tanti saluti!!

    Luigi

    Mi piace

    1. Ciao Luigi!
      Anche io mi auguro di finire in tempi brevi. Sicuramente non li mollerò, ma purtroppo gli impegni si fanno sempre di più, e le priorità diventano altre.
      Dovrete (tu e gli altri tre o quattro che mi seguono) essere pazienti. 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...