The Outer Limits (serie classica): 1×23 “Second Chance” – Sottotitoli

Qualcuno potrebbe ricordarsi della serie Oltre i limiti, andata in onda in Italia negli anni passati; se non per la trama, almeno per l’inquietantissima sigla.

Be’, questa altro non era che il remake della serie classica The Outer Limits, prodotta per ABC negli anni fra il ’63 e il ’65 e composta da 49 episodi divisi in due stagioni; è una serie antologica, cioè con puntate totalmente slegate una dall’altra.

01 The Galaxy Being (9-16-1963).mkv_snapshot_01.04_[2015.03.04_14.42.32]
Nella prima stagione, molti episodi sono stati scritti da Joseph Stefano, creatore della serie e noto anche per essere lo sceneggiatore di Psycho di Hitchcock. Nella seconda stagione, invece, la collaborazione con altri scrittori si espande fino ad avere un episodio scritto da Clifford Simak e ben due da Harlan Ellison.
Incredibilmente, in cinquant’anni questa serie classica non è mai andata in onda in Italia.

La mia missione è quindi di fornirvi, uno dopo l’altro, i sottotitoli di tutte le 49 puntate.

Oggi, dopo le prime ventidue che potete trovare qui, ecco recensione e sottotitoli per la ventitreesima puntata.

1×23 “Second Chance” (“Seconda occasione”)

The Outer Limits - TOS - 1x23 - Second Chance.avi_snapshot_03.24_[2016.05.25_10.44.52]

California, parco dei divertimenti di Joyland (decisamente poco frequentato). Una delle attrazioni è la simulazione di un viaggio spaziale in un padiglione a forma di disco volante… che in realtà è davvero un’astronave. L’alieno che vi dimora ha un piano per radunare delle persone: il capitano Crowell e l’hostess Mara Matthews, il burbero Arjay con la sua fedele moglie Sue Ann, il giovane giocatore di football Buddy con la sua ragazza Denise e il suo amico Tommy. Perché proprio loro?

La mente non può non riandare alla decima puntata, Nightmare: anche in questa Second Chance, infatti, abbiamo un gruppo di umani tenuti ostaggio da una forza aliena; ed è proprio lo scavo psicologico e l’analisi di detti personaggi ad essere il vero centro della puntata. L’azione è relegata al minimo, e quello che lo spettatore vuole scoprire con maggiore curiosità non è tanto i motivi che spingono l’Empyriano al rapimento, quanto i motivi della sua scelta. Si dipanano quindi in ottimi dialoghi mai prolissi le storie personali degli occupanti dell’astronave, alla ricerca dei motivi per cui vorrebbero una seconda occasione, delle relazioni fra di loro, dei segreti da cui fuggono, del passato che si sono lasciati o meno alle spalle.
Il lavoro di scrittura in questo senso è eccellente e ben al di sopra della media della serie, riuscendo a ritagliare dei ritratti netti, non banali e sufficientemente delineati di ognuno degli uomini e delle donne di questa puntata; inoltre, si nota anche un’attenzione ai dettagli e all’equilibrio stupefacente, con tutti i tasselli omogeneamente presentati nella prima parte della puntata, i personaggi che si incrociano casualmente, l’alieno che manda criptici messaggi verso casa che potranno essere interpretati solo con senno di poi; e con tutta quella serie di rimandi, di frasi simboliche, di echi fra un personaggio e l’altro che rimbalzano per tutto l’episodio.
Per le interpretazioni, ottimo il capitano (lo Spain della 1×19, The Invisibles); ma anche Buddy, con l’incredibile voltafaccia a metà episodio; e infine Arjay, rabbioso perché insicuro, insoddisfatto e fallito, risoluto nelle reazioni quanto indeciso nelle decisioni di una vita.
Curiosità 1: questo è il primo episodio a concludersi senza una “morale” da parte della voce narrante. Forse non ce n’era nemmeno bisogno?
Curiosità 2: un’astronave nascosta in piena vista. Non voglio accusare gli autori di Men in Black di plagio, eh, però…

[Note di traduzione:
Tutti danno del lei all’alieno finché pensano che è un uomo mascherato, parte dell’attrazione. Iniziano a dargli del tu quando capiscono che è un alieno vero – secondo la mia convenzione per cui tutti danno del tu agli alieni (che può essere corretta o meno, ma almeno è coerente in tutte le puntate che sottotitolo).]

Ecco dunque i sottotitoli, caricati come sempre sia su Opensubtitles che su Addic7ed.

Buona visione!

The Outer Limits – 1×23 “Second Chance” [Opensubtitles]
The Outer Limits – 1×23 “Second Chance” [Addic7ed]
Annunci

2 Replies to “The Outer Limits (serie classica): 1×23 “Second Chance” – Sottotitoli”

  1. Grazie Stefano per aver ripreso a pubblicare i sottotitoli! Cominciavo a preoccuparmi…… Questo è uno dei miei episodi preferiti della serie, perciò sono felice che anche tu lo consideri tale. Mi hai fatto ridere leggendo di Men in Black………,ma è proprio così!! Ma anche altri episodi hanno dato idee per film degli ultimi anni, comunque.

    Ti saluto, e sempre grazie per la tua impresa.

    Luigi

    Mi piace

    1. Prego!
      Ora gli impegni stanno scemando; non so se riuscirò a pubblicare un’altra puntata in questa settimana (anche se lo spero), ma senz’altro entro fine giugno sarò arrivato almeno alla 26.
      O in realtà sto scrivendo questa risposta solo per motivarmi, non saprei. 😀

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...