The Outer Limits (serie classica): 1×20 “The Bellero Shield” – Sottotitoli

Qualcuno potrebbe ricordarsi della serie Oltre i limiti, andata in onda in Italia negli anni passati; se non per la trama, almeno per l’inquietantissima sigla.

Be’, questa altro non era che il remake della serie classica The Outer Limits, prodotta per ABC negli anni fra il ’63 e il ’65 e composta da 49 episodi divisi in due stagioni; è una serie antologica, cioè con puntate totalmente slegate una dall’altra.

01 The Galaxy Being (9-16-1963).mkv_snapshot_01.04_[2015.03.04_14.42.32]
Nella prima stagione, molti episodi sono stati scritti da Joseph Stefano, creatore della serie e noto anche per essere lo sceneggiatore di Psycho di Hitchcock. Nella seconda stagione, invece, la collaborazione con altri scrittori si espande fino ad avere un episodio scritto da Clifford Simak e ben due da Harlan Ellison.
Incredibilmente, in cinquant’anni questa serie classica non è mai andata in onda in Italia.

La mia missione è quindi di fornirvi, uno dopo l’altro, i sottotitoli di tutte le 49 puntate.

Oggi, dopo le prime diciannove che potete trovare qui, ecco recensione e sottotitoli per la ventesima puntata.

1×20 “The Bellero Shield” (“Lo scudo Bellero”)

The Outer Limits - TOS - 1x20 - The Bellero Shield.avi_snapshot_10.39_[2016.04.01_12.20.23]

Richard Bellero è il figlio del grande capo delle Industrie Bellero. Le prova tutte, per fare impressione sul genitore, spinto della moglie Judith – che, più che all’affetto del suocero, mira al potere e alla gloria della grande corporazione. Un esperimento su un raggio laser porterà una forma di vita incredibile nel laboratorio di Richard; ma le sordide trame di Judith (in collaborazione con la signora Dame, la fedele governante) faranno volgere l’opportunità in dramma.

Tema della puntata è l’ambizione, la bramosia, l’ossessione per il potere che porta all’immancabile distruzione. In questo senso, il personaggio di Judith si avvale della straordinaria interpretazione di Sally Kellerman, che ci restituisce il ritratto di una donna che soverchia totalmente il marito (come quella della quarta puntata), ambiziosa al limite della follia – limite che varcherà nell’ambiguo finale.
A proposito di ambiguità, è da sottolineare il potente quanto criptico simbolismo che pervade l’intero episodio. Pensiamo ad esempio all’inquietante figura della signora Dame (dama di compagnia di nome e di fatto), dal passato violento e che si aggira per casa a piedi nudi: simbolo di cosa? C’è poi l’allegoria dello scudo, una difesa fisica contro le armi, ma anche la maschera che indossiamo quotidianamente per difendere ciò che siamo dentro: esemplare, in questo senso, l’angosciante finale, che lascia il dubbio se lo scudo sia davvero lì solo per Judith a causa di qualche malfunzionamento o dell’errato utilizzo, oppure se non esista soltanto nella sua ormai devastata mente.
Quanto agli attori, oltre alla già citata e ampiamente decantata Kellerman, non si può non elogiare Martin Landau per il suo personaggio umile, onesto, schivo e forse per questo un po’ ingenuo. Inquietante ma risoluta la signora Dame.
Nel complesso, quindi, una puntata cupa e profonda, dai significati ricercati e da ricercare, di non semplice comprensione ma di sicuro fascino.
Segnalo infine che in più critiche si è voluto vedere in questa puntata la ripresa di alcuni stilemi shakespeariani, particolarmente in relazione alla struttura del Macbeth; purtroppo la mia scarsa consocenza dell’opera del Bardo non mi permette di approfondire oltre – ma confido nelle vostre capacità di ricerca.

Ecco dunque i sottotitoli, caricati come sempre sia su Opensubtitles che su Addic7ed.

Buona visione!

The Outer Limits – 1×20 “The Bellero Shield” [Opensubtitles]
The Outer Limits – 1×20 “The Bellero Shield” [Addic7ed]
Annunci

2 Replies to “The Outer Limits (serie classica): 1×20 “The Bellero Shield” – Sottotitoli”

  1. Salve Stefano, complimenti per la tenacia con cui prosegui l’opera di trauduzione di TOL. Devo dire che in alcuni episodi saltano fuori delle considerazioni sulla natura umana davvero poco positive… in Zanti Misfits, ad esempio, c’è un passaggio dove l’alieno di turno dice più o meno che “non avevano dubbi nelle capacità di sterminio dell’uomo”…
    Non so se sia un complimento o un rimprovero.
    Ah, sempre sulla razza umana, ti consiglio un volume su Roald Dahl, “Tutti i racconti”, edito da Longanesi, che raccoglie tutte le sue storie brevi.
    Davvero belle, varie e con una punta di malvagità che non guasta.
    Come dire, il genere umano ispira sempre tante cose…

    Mi piace

    1. In realtà io questa retorica della malvagità insita nella natura umana la disprezzo profondamente, e credo che la sua ossessiva reiterazione sia una delle grandi colpe della fantascienza… Ma ovviamente le cose vanno calate nel contesto, e dopo due Guerre Mondiali e in piena Guerra Fredda con relativo rischio nucleare, certi autori non si possono certo biasimare.
      Il problema, semmai, è chi continua con la stessa retorica anche oggi – ma, appunto, è una storia lunga.

      Di Dahl non ho mai letto niente, a parte conoscere ovviamente alcuni suoi classici per l’infanzia. Certo, l’ebook dei racconti sta a 16€…
      Mentre invece, sullo stesso filone (ma con una certa leggerezza, devo dire) c’è l’Urania “Il generale abbatte un angelo” di Howard Fast – e il racconto che dà il titolo alla raccolta venne trasposto sullo schermo (non benissimo, a dire il vero) nella serie “Masters of Science Fiction” dell’ABC.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...