The Outer Limits (serie classica): 1×18 “Zzzzz” – Sottotitoli

Qualcuno potrebbe ricordarsi della serie Oltre i limiti, andata in onda in Italia negli anni passati; se non per la trama, almeno per l’inquietantissima sigla.

Be’, questa altro non era che il remake della serie classica The Outer Limits, prodotta per ABC negli anni fra il ’63 e il ’65 e composta da 49 episodi divisi in due stagioni; è una serie antologica, cioè con puntate totalmente slegate una dall’altra.

01 The Galaxy Being (9-16-1963).mkv_snapshot_01.04_[2015.03.04_14.42.32]
Nella prima stagione, molti episodi sono stati scritti da Joseph Stefano, creatore della serie e noto anche per essere lo sceneggiatore di Psycho di Hitchcock. Nella seconda stagione, invece, la collaborazione con altri scrittori si espande fino ad avere un episodio scritto da Clifford Simak e ben due da Harlan Ellison.
Incredibilmente, in cinquant’anni questa serie classica non è mai andata in onda in Italia.

La mia missione è quindi di fornirvi, uno dopo l’altro, i sottotitoli di tutte le 49 puntate.

Oggi, dopo le prime diciassette che potete trovare qui, ecco recensione e sottotitoli per la diciottesima puntata.

1×18 “Zzzzz”

18 Zzzzz (1-27-1964).mkv_snapshot_05.02_[2016.03.15_09.23.42]

Le api sono più intelligenti di quanto pensiamo: sono riuscite a trasformare la loro regina in Regina, candida e dolce ragazza dal caschetto moro. Ella (essa?) si propone come assistente per il professor Fields, entomologo. Ma Francesca, la moglie di questi, inizia a sospettare: sia la vera natura della giovane che la possibilità di un tradimento.

Dopo Dont’ Open Till Doomsday, un’altra puntata dalla forte connotazione erotica. Qui il classico topos dell’aliena giunta sulla Terra per trovare un uomo con cui farsi fecondare viene traslato a un ben più comune (e quindi più temibile) nemico, che ci ronza intorno ogni giorno e non sembra poterci nuocere di più che col suo pungiglione. La regina Regina si cala poco informata nel mondo degli umani, con la sua forma mentis da insetto in cerca di un fuco, un maschio che freddamente si proponga di generare con lei le moltitudini di operaie che la serviranno per il resto dei suoi giorni.
È qui che la trama porta lo spettatore di fronte al vero tema: l’amore. Gli umani infatti hanno questo viziaccio di doversi innamorare, prima di formare una famiglia… Vaglielo a spiegare a un’ape. Ovviamente è un concetto d’amore che va calato nel contesto: insomma, siamo nel pre-’68, e di certo non può stupire né far storcere il naso il riferimento al sacro vincolo del matrimonio, alla promessa di amore eterno di fronte a un dio, ai figli come “dono”. Il problema è chi ripete esattamente le stesse cose – se non peggio – ancora nel 2016: ma, visto nel 1964, quello che ci arriva da questo episodio è un forte messaggio a sostegno del valore dei sentimenti, dell’importanza della solidità della relazione in una famiglia, perfino dell’impossibilità di amare a comando e della libertà di rivendicare il proprio rifiuto.
I tre attori che da soli reggono l’intera narrazione sono ottimi nei loro ruoli: il professor Fields (lo stesso Philip Abbott che abbiamo visto nei panni di Linc nell’episodio The Borderland) percorre una strada che porta dall’interesse quasi scientifico per Regina fino al doloroso, coinvolgente monologo finale; Regina coniuga egregiamente la stralunatezza della sua alienità, la malvagità del piano di conquista e le debolezze di un cuore umano; Francesca riesce a riscattarsi dall’immagine di dispotica donna di mezz’età che l’intrusa vorrebbe affibbiarle, apparendo come vittima indifesa e innocente.
Si nota anche una certa attenzione alla regia, come nella scena in cui Francesca scopre Regina comunicare con le api, o quando la vede leccare il fiore di loto (immagine il cui evidente sottotesto fortemente eroticizzante deve essere apparso all’epoca a dir poco scandaloso).
Nel complesso, quindi, un’ottima puntata, anche al netto della sua retorica matrimoniale poco aggiornata.

[Note di traduzione:
Regina dà del lei al primo approccio con i protagonisti, poi inizia a dare del tu al professor Fields dal momento in cui lo chiama per nome.
Come avrete notato, tendo a scrivere dio in minuscolo – non perché voglio fare l’ateo sovversivo, perché se nomino un dio è un dio generico, quindi non nome proprio. In bocca a Fields però diventa maiuscolo, perché è così che lo intende.]

Ecco dunque i sottotitoli, caricati come sempre sia su Opensubtitles che su Addic7ed.

Buona visione!

The Outer Limits – 1×18 “Zzzzz” [Opensubtitles]
The Outer Limits – 1×18 “Zzzzz” [Addic7ed]
Annunci

2 Replies to “The Outer Limits (serie classica): 1×18 “Zzzzz” – Sottotitoli”

  1. Ciao Stefano,

    vedo che la tua opera prosegue senza sosta. Grazie di esistere!!
    ZZZZZ è uno degli episodi meno riusciti,secondo la critica di un sito americano dedicato a THE OUTER LIMITS, ma tu gli dai il giusto risalto. E io sono d’accordo con te.

    Purtroppo, sempre a proposito della mancata sincronizzazione video – sottotitoli, continuo ad avere problemi. Nonostante diversi tentativi di variare la velocità dei sottotitoli, non va. Ho provato anche a tagliare la parte iniziale,in cui compare (nei miei file) il logo della MGM. Nei primissimi minuti le cose vanno bene,ma con il passare dei fotogrammi,i sottotitoli cominciano a sfasare.
    E’ snervante 😦
    Immagino che, invece, tu li vedi perfettamente sincronizzati. E’ così?

    Potresti dirmi come faccio a procurarmi almeno un episodio di quelli che hai tu? Giusto per provare come va.

    Bene,di nuovo grazie per il tuo lavoro. A presto!

    Luigi

    Mi piace

    1. Allora, hai due opzioni:
      – scrivimi a ste.paparozzi [at] gmail.com, e ti spiego dove e come procurarti le puntate su cui si basano i miei sottotitoli;
      – puoi pazientare e vedere se riesco a trovare la tua versione e fare una risincronizzazione (ma questa è un’opzione ad alto rischio di nulla di fatto).

      Scegli tu. 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...